Comitato scientifico - Associazione Prometeo

Vai ai contenuti
Comitato scientifico “Rita Calicchia”. Dalla parte dei bambini.

Senza pericolo di cadere nell’autocelebrazione, né tantomeno nell’eccesso di presunzione, non crediamo ci sia al momento nel nostro paese una Associazione che possa contare su un Comitato Scientifico come questo. Fatto dai protagonisti che vedete, tutti stimatissimi professionisti e da altre persone che per vari motivi, restano dietro le quinte. Tutti i loro incarichi presso di noi vengono svolti a titolo assolutamente gratuito ed hanno come unico fine la tutela dei bambini abusati e la diffusione di una cultura basata sulla legalità e sulla protezione delle vittime.
Tra i vari compiti fin qui realizzati ricordiamo, ultimo in ordine di tempo, un corso di criminologia realizzato per alcune importanti procure in Piemonte ed in Lombardia (tutt’ora in corso d’opera), ma anche importanti indagini.


Nota:
Il nostro Comitato Scientifico è dal 2014 dedicato a Rita Calicchia, prematuramente scomparsa a fine luglio 2013 dopo aver tenacemente lottato contro il ripresentarsi di un brutto male.
Responsabile per anni dell’ufficio stampa del Comune di Latina, giornalista per la carta stampata e per la Tv, documentarista, autrice di numerosissime pubblicazioni di successo che spaziavano dalla politica alla religione, alla storia (l’ultima uscita “Una piccola storia italiana” su Santa Maria Goretti) , attivissima nel mondo del volontariato, Rita si era dedicata anche alla nostra Associazione, promuovendo sul proprio territorio numerosi incontri di formazione e prevenzione, segnalandoci spesso casi di persone bisognose di un aiuto e curando il nostro ufficio stampa.
Alla sua tenacia, alla sua instancabile caparbietà, alla sua forza attingeremo, tutti noi del comitato scientifico per poter donare il sorriso ai bambini che seguiamo.
Ritrovando nel loro sorriso, anche il suo….ciao Rita, grazie per esserti occupata anche di noi…portare il tuo nome significherà obbligarci a fare sempre di più e sempre meglio…te lo dobbiamo…ce lo dobbiamo…….
Torna ai contenuti