Renato Zero recensisce I Bambini delle Fogne di Bucarest - Associazione Prometeo

Vai ai contenuti
Adozioni a distanza > I bambini delle fogne
“Renato Zero” recensisce il libro di Massimiliano Frassi “ I bambini delle fogne di Bucarest ”.
Uno splendido omaggio per Massimiliano, da sempre fan appassionato del grande Renato.

L’impegno sociale non si distacca da ciò che siamo.
Da ciò che vogliamo.
Dal modo di lavorare.
Di pensare. Di spenderci.
Rapportarsi con gli Indifesi. Entrare nella loro pelle, o meglio tra le loro piaghe. E’ la conseguenza naturale per chi possiede un Innato senso della giustizia e del rispetto. Altrimenti rischia di essere un inutile pretesto per mettere tranquilla la coscienza.
“i bambini delle fogne di Bucarest” è un grido accorato.
E’ la voce dell’infanzia ferita. La culla dell’abbandono.
Il tradimento dei “padri bugiardi”, che hanno definitivamente perso il gusto del sogno. Il bisogno di verità.
Massimiliano Frassi si è fatto piccolo piccolo, per riuscire ad entrare in quei minuscoli vasi sanguigni. Arrivando a toccare quei cuori che pulsano a fatica, per il così rapido, ma non Indolore modo, di ritrovarsi tragicamente adulti.
Una bella persona Massimiliano.
Un fratello ideale. Che non spreca il suo tempo, ma ne ha fatto un aeroporto per far decollare i sentimenti:
passeggeri spesso pigri o tardivi, o che obbediscono ciecamente alle regole della “rapida consumazione”.
Citare i miei testi, in passaggi di vita così incisiva, mi rende partecipe di queste storie.
Io che non mi sono mai negato raccolgo questo ulteriore invito a non lasciare le cose come stanno.
A non accettare questo assurdo arbitrato tra vittime e carnefici………………e a non piegarmi al silenzio.
 
Grazie Massimiliano,
Renato Fiacchini, in arte Zero
Torna ai contenuti